Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter! Riceverai un e-mail per confermare la tua iscrizione, controlla anche nella casella di posta indesiderata. ---------------------


Ricevi HTML?

Link

IIFAB - Istituto Italiano di Formazione in Analisi Bioenergetica

www.iifab.it


ARPIT - Associazione Romana di Psicologia

www.arpit.it


IL CORPO NARRANTE

Rivista online dell'IIFAB

www.ilcorponarrante.it


SIAB

Società Italiana Analisi Bioenergetica

www.siab-online.it


ASPIC PERUGIA

Formazione al Counseling

Sostegno alla Persona

www.aspicperugia.it


L’Analisi Bioenergetica al tempo del Coronavirus PDF Stampa E-mail
Scritto da Lorenzo Truffi   
Giovedì 02 Aprile 2020 15:07

SOPRATTUTTO IN QUESTO PERIODO SI CONSIGLIA LA TERAPIA ON LINE CON LA STESSA EFFICACIA DI QUELLA IN PRESENZA. DOTT LORENZO TRUFFI PSICOTERAPEUTA TEL 392 999 3571

Alexander Lowen, fondatore dell’Analisi bioenergetica, descrive cinque diritti fondamentali innati che orientano gli esseri umani come una forza inconscia insopprimibile.

Questi diritti fondamentali sono:

  1. Il diritto di esistere: di nascere e di vivere. Questo diritto si afferma durante il periodo prenatale ed i primi mesi di vita.
  2. Il diritto di essere accolto nella propria condizione di bisogno: tale diritto viene soddisfatto se la madre è in grado di dare sostegno, nutrimento emotivo e materiale durante i primi anni di vita.
  3. Il diritto di muoverci liberamente guidati dai nostri bisogni e sentimenti che si sviluppa con la conquista della deambulazione.
  4. Il diritto di essere rispettati e protetti nella propria intimità che si sviluppa dal secondo anno di vita.
  5. Il diritto di amare sessualmente: tale diritto emerge e si sviluppa nel periodo che va dai due tre anni ai cinque anni di età circa. Se tale diritto non viene accolto, il bambino sperimenta una frustrazione nella ricerca di gratificazione erotica, soprattutto a livello genitale.

Se uno o più di uno di questi diritti fondamentali viene represso e messo in pericolo si attiva una risposta difensiva primitiva ed in quanto tale inconscia.

Il sentimento e la forza di questi diritti ci accompagnerà e ci sosterrà per tutto il corso della nostra esistenza e tutti gli esseri umani cercheranno di conservarli utilizzando le loro risorse personali e caratteriali.

Questa situazione esistenziale determinata dal Coronavirus e le misure restrittive adottate per limitarne la diffusione sono in grado di violare almeno 3 diritti fondamentali creando una situazione di stress consapevole o inconsapevole senza precedenti per la nostra epoca.

La minaccia del virus è un’aggressione al diritto di esistere, il rischio di contagio viene paragonato ad una guerra da opinionisti, giornalisti, scienziati e politici. Ma se di guerra si tratta non è certo una guerra tradizionale, forse assomiglia molto ad una guerra chimica o nucleare dove il prodotto letale è invisibile e inodore! In questa guerra in prima linea abbiamo il personale sanitario che spesso cade sotto il fuoco del “nemico” e poi tutti coloro che lavorano per proteggerci, protezione civile, esercito, volontari ecc. Ma la cosa veramente singolare ed atipica di questa guerra è che il “nemico” attacca e spesso uccide i più deboli che solitamente non si trovano al fronte: le persone debilitate da malattie e gli anziani.

Ma che cosa succede in noi quando una situazione di minaccia alla sopravvivenza fisica, alla nostra possibilità di nutrimento ed alla nostra libertà di movimento è protratta nel tempo così a lungo? Ognuno di noi reagirà a questa situazione di emergenza con le sue difese caratteriali e con la modalità che si è dato per sopravvivere. La gravità della situazione e la lunga durata potrebbero esasperare ed amplificare queste risposte difensive rendendole inadatte in una situazione imprevista anche se non totalmente nuova per il genere umano in quanto pandemie e infezioni hanno funestato il corso dello sviluppo umano anche nei secoli precedenti.

Il carattere schizoide: si è sviluppato attraverso la difesa della scissione tra razionalità ed emozioni. Ha sperimentato sulla sua pelle un attacco al diritto di esistere in fase prenatale, minacce di aborto o gravi condizioni della madre a livello clinico ed emozionale. La sua esistenza non è iniziata nel migliore dei modi, spesso ha avuto genitori che non lo volevano. Lo schizoide quindi è organizzato per le minacce alla sua esistenza e quindi non è particolarmente in allarme, il suo sistema difensivo lo protegge dalle emozioni di paura e di terrore. Sta bene in isolamento in quanto si sente protetto dai contatti troppo ravvicinati e dall’ intimità’ che teme. Se la minaccia dovesse toccarlo personalmente e se non sostenuto sul piano psicologico potrebbe scivolare in una condizione di schizofrenia

Il carattere orale: si è sviluppato e organizzato a causa della mancanza di nutrimento e sostegno e quindi non ha particolari difficoltà a reggere la crisi economica, cercherà di rafforzare i propri meccanismi di dipendenza dai familiari e dallo stato sperando di riuscire ad essere aiutato e mantenuto. Se non troverà questo sostegno potrebbe deprimersi ed anche sviluppare propositi di suicidio.

Il carattere masochista: è abbastanza forte e resistente, di buon grado accetta di obbedire alle imposizioni ed alle restrizioni di cui diverrà un paladino. Se dovesse essere messo a dura prova per la perdita del lavoro e del salario e deluso dallo stato per le promesse mancate potrebbe lasciarsi andare alla ribellione ed a esplosioni di rabbia.

Il carattere narcisista psicopatico, borderline, narcisista maligno: cercherà la sopravvivenza ad ogni costo, accaparrando tutto il cibo possibile ed anche sfruttando parenti ed amici. Se gravemente colpito dal virus o dalla povertà o dalla legge potrebbe pensare al suicidio o agire azioni antisociali.

Il carattere rigido: è forte e resistente, consapevole del rischio che corre ma anche delle sue risorse. Se in seria difficoltà personale o sociale cercherà di trovare delle soluzioni o cercherà l’aiuto delle istituzioni e/o dei servizi.

Aspetti psicosomatici del Coronavirus

Sul piano psicofisico, la moderna PsiconeuroEndocrinoImmunologia ci spiega che una situazione di stress prolungato genera un abbassamento delle difese immunitarie, infiammazione e predisposizione ad episodi depressivi, a malattie cardiocircolatorie e respiratorie e può essere anche una componente di unamalattia oncologica. Il nemico invisibile con la sua minaccia di morte genera paura e terrore, una paura che toglie il respiro.

Queste considerazioni sono introduttive ad una trattazione più esaustiva ed alla riflessione sul ruolo dello psicologo e sul sevizio che può  offrire alla comunità.

Bibliografia

Epigenetica….F.Bottaccioli ed Edra

Vedi Alexander Lowen Bioenergetica ed Feltrinelli

 

 
© 2009 La Fabbrica del Tempo.com - Lorenzo Truffi P.Iva 10340960581